Nelle scuole ugandesi sono spesso assenti o assolutamente insufficienti le attività manuali e pratiche legate al gioco. Soprattutto le bambine sono le più escluse, spesso costrette a giocare tra loro e/o confinate in spazi e ruoli tipicamente femminili (madre, figlia, mercato, cucina, ecc.). Nella nostra scuola tutti i bambini e le bambine avranno la possibilità di giocare tra loro senza preclusioni di sesso, famiglia o stato sociale/economico. Tutti potranno frequentare appositi laboratori ludici e creativi per la costruzione di manufatti in carta e cartone, per la realizzazione di piccoli oggetti con il legno e con piccole pietre, per la costruzione di aquiloni e barchette a vela, per la realizzazione di giocattoli in legno o materiali di recupero, per la riparazione di vecchi giocattoli, ecc. Rivestiranno un ruolo importante i giochi con le costruzioni Lego e con il Meccano, e i giochi da tavola, rigorosamente cooperativi o di ruolo, insieme alla dama, agli scacchi, al domino, al wari, al mancala, ecc.